La Mafia

Domina la città con i tuoi mafiosi!

“La Mafia” – Gioco Da Tavolo Virtuale – Genere: Strategia – Da 2 a 8 giocatorissv065bis

La Mafia è software libero: ciò significa che puoi scaricarlo, usarlo e condividerlo, ma non modificarlo e venderlo. Per conoscere i tuoi diritti e doveri e per scaricare questa applicazione devi leggere la Licenza (Eyes On People Freeware License 1.0).
L’applicazione richiede Sun Java Runtime Environment (JRE) 7 (Scarica).

Scarica “La Mafia”
Versione 0.6.5 – Italiano – 2,53 MB

La Mafia su Facebook
La Mafia
su Facebook

 

Regole

    LO SCOPO
Lo scopo del gioco è avere sotto controllo tutti gli esercizi commerciali della città: ogni giocatore è un boss ed ha al suo comando un manipolo di uomini, i mafiosi.
Tutti giocano contemporaneamente ma separatamente: di notte ogni boss decide il piano di azione ed impartisce segretamente gli ordini ai suoi mafiosi e di giorno gli ordini vengono eseguiti pubblicamente.

    I MAFIOSI
Ogni mafioso può estorcere, ovvero far cadere sotto il controllo del boss un esercizio commerciale: inoltre, se ingaggiato in combattimento, darà anche la sua vita, se necessario.
All’inizio di ogni notte nuovi mafiosi giurano fedeltà al boss: si ha diritto ad un mafioso per ogni covo in possesso (perché il boss ha già un bel covo e può andarsene in giro a cercare nuove promesse della mafia) più un mafioso ogni quattro esercizi commerciali controllati (perché la casata diventa famosa ed accorrono nuovi entusiasti).
La prima notte ogni boss ha un solo mafioso a disposizione ed inizia a progettare il piano per la vittoria nel suo covo.

    GLI ESERCIZI COMMERCIALI E I COVI
È possibile mandare mafiosi:
- in qualsiasi esercizio commerciale controllato, per proteggerlo da altre estorsioni;
- in qualsiasi covo controllato, per proteggerlo da un eventuale attacco;
- in qualsiasi casella confinante, per tentare di controllare l’esercizio commerciale o conquistare il covo.
Per casella confinante si intende una casella adiacente ad una qualsiasi di quelle controllate in direzione orizzontale o verticale e non in diagonale.

Di giorno gli ordini segreti dei boss vengono eseguiti. Se su una casella:
- non ci sono mafiosi, il suo stato non cambia;
- ci sono mafiosi di un solo giocatore, diventa controllata da quel boss;
- ci sono mafiosi di due giocatori, essi si scontrano in un combattimento mortale, e il vincitore, ammesso che ce ne sia uno, può estorcere;
- ci sono mafiosi di più di due giocatori, viene effettuato un sorteggio per determinare la coppia di bande che si scontrerà a morte, perché casualmente arrivate prima: le altre, accorgendosi degli spari, scelgono di tornare alla base.

    IL COMBATTIMENTO MORTALE
Entrambi i boss lanciano tanti dadi quanti sono i mafiosi in gioco sulla casella:
- colui che ha la somma totale minore subisce delle perdite: viene ucciso un mafioso ogni 6 punti di differenza, e poi ferito un altro se rimangono almeno altri 3 punti.
- per ogni 6 lanciato da un giocatore viene ucciso un mafioso avversario, e per ogni 5 viene ferito.
Tutti i mafiosi feriti ed uccisi sono fuori gioco, ma i mafiosi feriti vengono recuperati alla fine se non si perde lo scontro. Se rimangono dei mafiosi vivi ed integri ad entrambi i giocatori si prosegue con un nuovo round: altrimenti, coloro rimasti integri danno il colpo di grazia ai feriti avversari e curano i propri. Nel caso nessuno rimanga vivo ed integro, non ci sono cambiamenti sulla casella e tutti i feriti vengono recuperati.

È possibile conquistare un covo: l’attacco si effettua come una comune estorsione, ad eccezione che gli eventuali mafiosi a protezione del covo non possono essere feriti. Inoltre, il giocatore in possesso del covo, nel caso venga attaccato da più giocatori nella stessa giornata, non può essere escluso nel sorteggio della coppia di bande.

    LA SCONFITTA
Un giocatore perde e viene escluso dal gioco quando non controlla più nessun negozio e non ha un covo.

Alfa Vassallo, 5 Settembre 2014
Ultima modifica: 14 Settembre 2014